800-090501

info@verdana.it

Come usare Instagram per il tuo Ristorante

Hai idea di quante persone utilizzano ad oggi Instagram? No?!? Te lo dico io: più di un miliardo! Comunque, che tu sappia o no i numeri che identificano la larghissima diffusione di questo strumento che, per certi versi, ha anche superato Facebook in quanto a popolarità, poco importa: ciò che conta è darti le giuste dritte per utilizzare al meglio il tuo account.

Nome e Bio

Il tuo account deve essere anzitutto aziendale, oltre che semplice e performante. Come? Con un logo comprensibile (qui ti consigliamo di scegliere un grafico, ma che sia un grafico pratico e lineare, non un appassionato dell’incomprensibile), e con un nome efficace della serie: nome+ristorante.

Quanto alla bio, deve essere breve, chiara e concisa. Non servono poemi, il tempo medio di permanenza delle persone su account e siti web è inferiore al minuto, quindi devi dare le informazioni essenziali incentrate sui tuoi punti di forza, tutto qui.

Foto

Tutti sono in grado di fare uno scatto con il telefono, ma pochi sono capaci di fare un capolavoro. Luce, angolazione, contesto, sfondo, pesano almeno il 50% nel successo social di un piatto ben fatto. Del resto, chi guarda non può gustare, ma agli occhi la pietanza deve essere irresistibile e non basta impiattare da grandi chef.

Tu dirai: allora mi ci vuole il fotografo, e quanto mi costa? No, serve solamente passione. Devi immedesimarti nel potenziale cliente, devi cercare anzitutto di stupire te stesso: in una parola devi dare il meglio di te.

All’inizio non sarà facile, ma quando avrai l’occhio tutto verrà da sé. Scatta, prova, riprova, scatta e riscatta: la foto giusta potrà essere anche la ventesima o la trentesima, non essere sbrigativo, errore gravissimo e controproducente.

Contenuti

Non limitarti a una faccina o a una banale frasetta copiata da qualche parte, lo spazio social non è un gioco e soprattutto non è per tutti: basta dare un’occhiata a centinaia, migliaia di profili letteralmente inutili, presenti sulle varie piattaforme.

Oggi è il tuo account su Instagram la migliore brochure che tu possa presentare al cliente, non ce ne sono altre. Se ti stai chiedendo il perché, magari accarezzando un tuo vecchio depliant o scrollando la home del tuo sito in Frontpage del 2000, chiudi tutto e leggi qualche numero a dir poco fondamentale. Un cliente su quattro va a controllare su Instagram prima di prenotare. Molti di più spendono tempo sulla stessa piattaforma per sbirciare negli innumerevoli profili dedicati ai ristoranti prima di decidere su quale locale orientarsi. E se trovassero anche il tuo?!? Te lo sei mai chiesto?

Il passaparola è out, la descrizione orale del piatto non può competere nel modo più assoluto con una bella foto o uno storytelling fico su Instagram. Va da sé che le immagini delle cibarie vanno alternate ai tanti momenti di vita che si trascorrono nel ristorante, perché le stories interessano sempre molto.

Devi raccontare quotidianamente il tuo locale con costanza e dedizione, dialogare a distanza con chi è già venuto a trovarti e con chi ancora non ti ha scoperto, oppure medita di prenotare un tavolo alla prima occasione utile. Devi parlare social, essere tutti i giorni sul pezzo, anche in quelli di chiusura, perché più un profilo è aggiornato, più appare sugli schermi dei telefoni, più abitua le persone a venirti a trovare sia fisicamente che virtualmente.

Cerca l’attenzione delle persone, sempre, in modo simpatico ma sobrio, senza andare sopra le righe. E non dimenticare di usare gli hastag e i geotag, perché la gente deve capire subito a cosa ti riferisci nel tuo post e dove ti trovi, ma soprattutto perché in un certo senso “piacciono” molto anche agli algoritmi.

Naturalmente non esagerare, ma sii equilibrato: meglio non pubblicare un post che pubblicarne uno sbagliato.

Frequenza

Beh, questa dipenderà da te. Se ci tieni davvero farai grandi cose, perché non ci vuole la scienza per fare un bel lavoro sui social, ma come ti ho già detto, costanza dedizione e passione. Non hai tempo? Affida la tua pagina a un professionista del settore e amen. Non sei in grado di gestirla? Idem come sopra, ma non farti problemi e non rinunciare ad avere Instagram fatto bene: magari il tuo posto è in cucina e non davanti a uno schermo.

In ogni caso, prima di giungere a una conclusione, provaci! Potresti scoprire qualità che non pensavi di avere.

l.mascolo@verdana.it

Laurea in Ingegneria all'Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale. E' Content Manager di Verdana Srl.

Clicca qui per altri consigli »